Pasqua e la biologia quantistica dell'ordine del caos


DNA Pasqua frequenza caos ordine biologia quantistica
sezione trasversale del DNA

Pasqua rappresenta la manifestazione della primavera intesa come rinascita e la frequenza in cui accade quest'anno ne coglie pienamente il significato e calza perfettamente con ciò che stiamo vivendo a livello individuale e collettivo.

Per cui ho deciso di farvi i miei auguri condividendo parti del significato di questo potente esagramma, il 3, che va dall'ombra del caos al dono dell'innocenza: che possa essere d'ispirazione d'ora in poi a scegliere come fanno i bambini con coraggio e fiducia, andando oltre la paura, qualunque essa sia.

Tra l'altro Pasqua deriva dall'ebraico e significa "superamento, passare oltre", avere quindi il coraggio di incarnare la nostra Vera natura e vivere la nostra vera Vita, ricordandoci che facciamo parte del Tutto: come è scritto nel nostro DNA la cui sezione trasversale è il fiore della vita, simbolo universale di unità e cooperazione. Buona lettura💫


"E' solo il nostro pensiero che ci intrappola.

La bassa frequenza di tale porta fa sì che noi esseri umani siamo terrorizzati dal cambiamento nonostante siamo progettati per mutare.

Per evolverci, dobbiamo abbracciare il caos, non cercare di proteggerci da esso, il che è indice di scarsa fiducia nella vita.

Il significato originario di caos è "spazio primordiale", è solo a causa di un fraintendimento basato sulla paura che la parola è divenuta sinonimo di disordine. Il caos è solamente una prospettiva a protezione di uno schema nascosto che conduce inevitabilmente all'ordine.

Affidandoci all'apparente caos e lasciando che l'ambiente ci trasformi invece di cercare di tenere tutto sotto controllo, si riesce a percepire la magia più grande in assoluto: nel caos esiste ed è sempre esistito un ordine sottostante che detiene un immenso potere trasformativo.


Tale codice è connesso ad una delle scoperte più importanti della biologia quantistica che deve ancora essere integrata dalla biologia (da cui è ancora considerata un'eresia nda): il cervello della cellula non è nel nucleo ma nella membrana cellulare.

Ciò comporta un cambiamento radicale sia a livello scientifico che sociale in quanto secondo le leggi dei frattali, la stessa legge che governa le cellule singole regola anche gli esseri umani come individui.

La membrana cellulare è l'interfaccia con l'ambiente, ciò comporta che il modello base della vita organica e sociale è basato sull'interconnessione e l'interdipendenza.

La Vita è un processo più cooperativo che competitivo.


La vita ha sempre operato in questo modo: la coscienza monocellulare ha effettuato un salto quantico nella coscienza multicellulare. La vita stessa è progettata per trascendere la sua programmazione iniziale e scoprire nuove e più elevate forme di coscienza.


Oltre l'egoismo, la paura e il disordine si celano cooperazione, fiducia e innovazione.

L' innovazione scaturisce dal sentire l'energia dinamica che è il cuore della creazione, cosi facendo non è il DNA che cambia ma la frequenza che lo attraversa che attiva i suoi programmi più nascosti.

In questo modo la vita monocellulare ha lasciato il posto alla vita cooperativa e così l'egoismo umano deve cedere il passo alla coscienza collettiva.


L'espressione più alta di tale energia è l'innocenza. La mente sembra volerci raccontare che la Vita è qualcosa che possiamo controllare ma è un'illusione partorita dal cervello. Il pensiero che nessuno (la nostra mente, governi, polizia, denaro) detenga il controllo ci terrorizza perché non abbiamo fiducia nella vita e crediamo che sarebbe il caos.

La verità è che non possiamo sapere cosa succederebbe, ma il bambino dentro di noi non vede l'ora di scoprirlo.


La vita è innocente e noi siamo Vita.

Ora siamo all'apice della seriosità ma tutto sta per cambiare.

L'umanità si trasforma da dentro, come la vita ha sempre fatto. È plasmata dall'ambiente in cui si trova. Quando diventa una minaccia per quell'ambiente, la vita lo comunica alla sua struttura cellulare spingendola ad adottare un programma più efficiente. Non è una decisione presa dell'umanità ma dall'organismo nel suo insieme. È un processo naturale e organico e ci siamo dentro. Lo temiamo perché non ci fidiamo della nostra innocenza.


Lo stesso corpo umano costituisce l'esempio primario della direzione in cui sta andando l'umanità. Ogni cellula bada a sé stessa e allo stesso tempo all'interno organismo.

Quali cose incredibili quando si lascia la vita libeta di giocare!


Non siamo a noi a decidere (certo possiamo per paura opporre resistenza nda) ma è la vita, è scritto nel nostro DNA. L'unica costante della vita è il cambiamento.

Chiunque, qualsiasi cosa e ovunque voi siate, quando non state continuando a trasformarvi, allora state morendo.


Come disse Einstein: "Dio non gioca a dadi." Il cervello umano non è progettato per comprendere intuizioni profonde come questa. La certezza dell'ordine nell'universo è una sensazione che può essere capita soltanto dal sistema di consapevolezza umano più avanzato che le tradizioni mistiche hanno chiamato con molto nomi, in sintesi è la consapevolezza del cuore, quel sentimento di amore e unità che sottende e lega il tutto."


dott.ssa Alessandra Bruno

0 commenti

Post recenti

Mostra tutti